Percorsi_di_consapevolezza_mente_problemi

Risolvere i problemi

Tutti sono alla ricerca di risolvere problemi.

Con la parola problemi generalmente ci si riferisce ad ostacoli che rendono difficile il raggiungimento di un obiettivo.

Sappiamo inoltre  che in campo scientifico un problema è una domanda a cui si attende una risposta, come i problemi che abbiamo imparato a risolvere a scuola.

Nella sua radice etimologica, viene dal greco e deriva dal verbo pro-ballo, che significa gettare avanti, proporre, mettere oltre. È un significato molto motivante, non trovi? 

Il problema è pertanto la distanza che esiste tra la situazione desiderata e la situazione in cui ci si trova al momento presente.

Il modo in cui percepiamo i problemi può renderli nostri nemici oppure nostri alleati.

Si dice che ci sono persone che per ogni problema trovano almeno tre soluzioni e persone che per ogni soluzione trovano almeno un problema.

Che cosa rende una persona orientata alla soluzione ed un’altra orientata al problema? Il fatto che per la prima non esistono problemi mentre la seconda ne è circondata?

Conosci qualcuno che davvero non ha problemi? 

La risposta a questa domanda è racchiusa nella mente di ciascuno.

Nella realtà, esistono situazioni.

Nella mente, esistono problemi oppure opportunità.

Immagina tre diverse persone più o meno della stessa età che stanno vivendo più o meno le stesse situazioni.

Una persona che accetta pienamente se stessa, la situazione che sta vivendo e la vita così com’è, non percepisce nulla come problematico, e tutto è un’opportunità da vivere. Si sentirà felice, in pace, benedetta dalla vita.

Una  seconda persona, invece, che vorrebbe essere diversa da com’è, che desidera dei cambiamenti e vuole raggiungere degli obiettivi e percepisce come problema la distanza che c’è tra il momento presente e ciò che desidera e questo problema è tanto più grande quanto più ampia  questa distanza. Si sentirà sfortunata, inquieta, paurosa, arrabbiata.

Un terza persona, infine, che vorrebbe essere diversa da com’è, che desidera cambiamenti e vuole raggiungere degli obiettivi e percepisce la distanza che c’è tra il momento presente e ciò che desidera come l’opportunità di migliorarsi, esprimersi e manifestarsi al suo massimo potenziale. Si sentirà motivata, appassionata, determinata.

Tre situazioni più o meno uguali, tre modi di viverle completamente diversi.

Dove sta la differenza?

La differenza tra una situazione e l’altra sta tutta nel modo in cui queste situazioni vengono percepite nella mente di chi le vive.

Per questo possiamo dire che i problemi esistono solo nella mente.

La vita, in sé, è sempre perfetta così com’è, nelle sue differenze, nella sua individuale espressione. 

Nella mente degli esseri umani invece, esistono divisioni, separazione, giudizio, paure, aspettative che rendono la vita stessa un problema, essendo costellata da infiniti problemi da risolvere.

Gli ambiti in cui questi problemi si manifestano possono essere diversi: potresti avere un problema di salute, come una malattia o un limite fisico; potresti vivere problemi nelle tue relazioni sociali, familiari o sentimentali; potresti trovarti con problemi lavorativi od economici; potresti vivere dei conflitti con te stesso, che si manifestano come problemi emozionali, se ti fai travolgere e governare dai tuoi stati d’animo o se hai bloccato il naturale fluire delle emozioni.

In qualsiasi ambito si trovi il problema, lo spazio in cui il problema può essere risolto è solo uno: dentro la tua mente. 

Ricorda: nella realtà esistono solo situazioni che chiedono di essere affrontate e vissute, nella mente esistono classificazioni e giudizi di quelle stesse situazioni che le rendono problemi, opportunità oppure benedizioni.

Tu come percepisci ciò che stai vivendo: una benedizione? un’opportunità? oppure un problema?

Come diceva Einstein in una sua famosa citazione: “Nessun problema può essere risolto allo stesso livello in cui è stato generato”, e questo significa che nessun problema può essere superato allo stesso livello di pensiero in cui quel problema si è manifestato.

Diventa così indispensabile cambiare qualcosa a livello mentale prima di intervenire con azioni mirate sul piano fisico per poter ottenere una risoluzione definitiva. Pensiero e azioni devono allinearsi, il fare deve risultare da un pensare creativo, nuovo, generatore di espansione della consapevolezza, per poter definitivamente veder scomparire il problema!

E come si può fare per risolvere i problemi?

Possiamo operare nella mente a più livelli: comprendendo come funziona nella sua programmazione e andando a riprogrammarla in maniera più funzionale.

Andando più in profondità, discreando, dissolvendo le parti reattive e disfunzionali per lasciare spazio a nuovi pensieri e nuove scelte consapevoli ed efficaci.

Nessuno può farlo per te, ma l’aiuto di qualcuno che conosce questi meccanismi può fare la differenza sia in termini di efficacia che di velocità. 

I lavori sulla mente sono sempre molto potenti, e lasciano un grande senso di libertà e di potere personale.

Un coach può esserti molto d’aiuto in questo senso, creando quello spazio di ascolto, rispetto e fiducia in cui entrambi avete il vostro posto: tu sei il protagonista e il coach è al tuo servizio; tu sei colui che sceglie e che cambia, il coach è colui che ti affianca con l’ascolto e le domande giuste. Finché dentro di te inizi a intravvedere e sentire che il cambiamento è possibile, che una soluzione al tuo problema esiste, che tu possiedi tutte le risorse che ti servono per superarlo e ti metti in cammino: libero, con fiducia e impegno.

Risolvere i problemi, si può, e molto spesso è più semplice di quanto crediamo.

Vuoi approfondire questo argomento con l’aiuto di un coach?

 

Sei interessato a risolvere i tuoi problemi? Puoi partecipare al corso:

Risolvere i problemi

 

 

Leave a Comment